Fondazione Caript in aiuto della chiesa di Calamecca

News

- Cultura

Fondazione Caript in aiuto della chiesa di Calamecca

Al progetto è destinato un contributo di oltre 240mila euro grazie al bando “Restauro del patrimonio artistico e digitalizzazione dei beni culturali”. In totale sono 11 gli interventi di recupero e valorizzazione sostenuti con questa iniziativa

Ai primi posti nella classifica per la Toscana del concorso “I luoghi del cuore”, promosso dal Fondo per l’ambiente italiano per far conoscere i beni da tutelare e valorizzare, la chiesa di San Miniato a Calamecca, piccola frazione della montagna pistoiese, è stata chiusa al culto a causa di un grave dissesto ed è a rischio di crollo.

Grazie all’edizione 2022 del bando dedicato al restauro e alla promozione dei beni culturali, la Fondazione Caript assicura un contributo di 241.158 euro per i necessari lavori di ripristino. Si tratta, in particolare, di lavori di somma urgenza per consolidare la navata laterale destra, interdetta al pubblico dal 2013 per le importanti lesioni che vi erano state riscontrate a seguito di un sopralluogo tecnico. Dopo che per trovare risorse era stata anche lanciata una raccolta di fondi su Internet, adesso il contributo della Fondazione assicura la copertura di metà dei costi stimati.

Il salvataggio della chiesa di Calamecca è uno degli 11 progetti premiati con il bando sul restauro, progetti nei quali vengono investiti complessivamente 497mila euro. Oltre alla chiesa di San Miniato, altri interventi sono finanziati per il giardino di Villa Sismondi in Valchiusa a Pescia (rimasto per decenni in abbandono e che necessita, in particolare, di recuperare il verde ornamentale) e sul monumento ai caduti e sulla fontana nel parterre di piazza San Francesco a Pistoia.

Sempre a scopo conservativo sono destinate, tra le altre, risorse per restaurare le lunette e le volte del loggiato della chiesa di San Michele Arcangelo, nella frazione pistoiese di Bottegone; per il restauro di 17 opere in bronzo custodite a Villa Stonorov dalla Fondazione Jorio Vivarelli e per il recupero della cantoria in legno della chiesa di San Leonardo, nel paese di Serra Pistoiese.

Con questo bando, inoltre, la Fondazione sostiene importanti interventi su materiale documentale. In questo ambito sono stati premiati progetti di digitalizzazione degli archivi storici dei Comuni di Monsummano Terme e di Massa e Cozzile e la catalogazione dell’archivio della Fondazione Pedretti a Lamporecchio, che include importante materiale su Leonardo da Vinci.

Questo bando – commenta il presidente di Fondazione Caript Lorenzo Zogheriha un duplice obiettivo: preservare beni culturali di significativo rilievo e favorire la diffusione e la conoscenza del patrimonio storico e artistico del nostro territorio. Direi che la qualità dei progetti che abbiamo premiato rispondono a questi scopi e sono particolarmente soddisfatto del nostro intervento per la chiesa di Calamecca, la cui situazione ha destato molta preoccupazione nella comunità della montagna pistoiese”.

 Ulteriori informazioni sono reperibili qui.

Foto di David Dolci




ALTRE NEWS
  • Un’opportunità per realizzare nuovi progetti

    Un'opportunità per realizzare nuovi progetti
  • Nasce la Fondazione delle comunità pistoiesi

    Nasce la Fondazione delle comunità pistoiesi
  • Una delegazione spagnola in visita a Uniser

    Una delegazione spagnola in visita a Uniser
  • Maxi finanziamento per i progetti dei Comuni

    Maxi finanziamento per i progetti dei Comuni
  • La testimonial di Sì…Geniale!

    La testimonial di Sì...Geniale!
  • Umani e non umani. Noi siamo natura è il tema dei Dialoghi di Pistoia 2023

    Umani e non umani. Noi siamo natura è il tema dei Dialoghi di Pistoia 2023
  • Le giornate della memoria con le parole di Hurbinek

    Le giornate della memoria con le parole di Hurbinek
  • Partecipa alla Fondazione delle comunità pistoiesi

    Partecipa alla Fondazione delle comunità pistoiesi